Privacy Policy
Home / News / Vittorio Emanuele di Catania, i sindacati: “Disponibilità Policlinico a vertenza Rekeep”

Vittorio Emanuele di Catania, i sindacati: “Disponibilità Policlinico a vertenza Rekeep” di Redazione

ospedale vittorio emanuele catania

Il direttore generale e il direttore sanitario dell’A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele di Catania non considerano giustificata l’avvio di procedura di licenziamento collettivo per 91 dipendenti da parte della Rekeep. Vista l’imminente apertura del super presidio ospedaliero del San Marco e della continua operatività di tutti i presidi, i dipendenti della società hanno continuato a prestare regolarmente il servizio“, lo ha affermato il segretario regionale della Fsi-Usae Calogero Coniglio al termine stamane di una manifestazione di protesta davanti alla direzione generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico organizzata per protestare contro l’attivazione della procedura di licenziamento collettivo per l’esubero di 91 lavoratori da parte della Rekeep, la società che gestisce l’appalto del servizio di pulizia nella struttura.

Nel corso della mattinata – ha continuato Coniglio – siamo stati ricevuti dal dottore direttore generale Giampiero Bonaccorsi e dal direttore sanitario Antonio Lazzara, che hanno manifestato grande disponibilità e attenzione verso i lavoratori“.

Per noi oggi – ha proseguito il sindacalista – l’obiettivo è di chiedere garanzie certe e celeri per evitare possibili licenziamenti ingiusti. Abbiamo chiesto ai direttori una collaborazione a cercare una soluzione per mantenere i livelli occupazionali fino all’apertura del nuovo presidio ospedaliero e tutelare i bacini esistenti per salvaguardare i dipendenti. La disponibilità c’è stata: i due direttori per mettere un freno alla vicenda hanno preso l’impegno di provvedere subito ad inviare una diffida alla Rekeep perché hanno pagato regolarmente più di 100 mila ore annue nonostante i trasferimenti dei reparti dal Vittorio Emanuele e Ferrarotto al Policlinico e non hanno chiesto né di riduzione di ore né di servizi“.