Privacy Policy
Home / Dalla politica / Sanità, stabilizzazioni personale Seus 118: pronto il decreto che stabilisce i passaggi

Sanità, stabilizzazioni personale Seus 118: pronto il decreto che stabilisce i passaggi di Manlio Melluso

118 ambulanza

Pronto il decreto, firmato dall’assessore alla Salute Ruggero Razza, che stabilisce la road map per arrivare alle stabilizzazioni del personale medico sostituto operante nei servizi di emergenza del 118 con anzianità di servizio superiore ai 18 mesi.

Il decreto non è ancora stato pubblicato, ma prevede i passaggi che serviranno ad arrivare alle stabilizzazioni: “Nelle more dell’acquisizione dell’attestato di formazione triennale in medicina generale i medici sostituti che parteciperanno al corso potranno svolgere incarichi a tempo determinato di emergenza urgenza 118 conferiti dalla Asp, nel rispetto delle graduatorie per i medici sostituti dell’emergenza 118, predisposte da ciascuna Asp. Ciò compatibilmente con gli obblighi formativi derivanti dalla frequenza al corso di formazione di medicina generale al quale i medici interessati potranno accedere solo se in possesso di attestato di idoneità Est”.

Ruggero Razza
Ruggero Razza

In questo modo il personale compirebbe il primo passo propedeutico alla stabilizzazione. Alla fine dei tre anni di formazione, infatti, chi otterrà l’attestato dalla Regione potrà essere inserito nell’apposita graduatoria per l’attribuzione di incarichi a tempo indeterminato nelle aziende del Servizio sanitario regionale.

Il primo a salutare favorevolmente la notizia è stato Edy Tamajo, deputato regionale di Sicilia Futura, gruppo di opposizione all’Ars: “Un plauso a Ruggero Razza per l’approccio e la sensibilità con cui ha affrontato una questione annosa – ha scritto su Facebook l’inquilino di Sala d’Ercole – Soddisfatto a livello personale per un percorso che si avvia verso una conclusione positiva, dopo approfondimenti, tavoli, riunioni. La procedura di stabilizzazione del
Personale medico di emergenza-urgenza,  è un segnale importante di come la concertazione, il confronto e la condivisione, può portare dei risultati importanti, sia in tema di lavoro che in campo di efficienza del servizio sanitario… visto che parliamo di professionalità acquisite che operano già da anni a stretto contatto con il 118 e nelle varie Pte“.