Privacy Policy
Home / News / Palermo, presentato sanitainsicilia.it: tra gli ospiti anche gli assessori Razza e Lagalla | Video e Foto

Palermo, presentato sanitainsicilia.it: tra gli ospiti anche gli assessori Razza e Lagalla | Video e Foto di Redazione

Grande entusiasmo e partecipazione da parte dei professionisti del mondo della sanità e non solo per la presentazione di sanitainsicilia.it,  avvenuta mercoledì 5 dicembre, al cinema multisala Politeama.

Sul palco a presentare il nuovo progetto editoriale Maurizio Scaglione fondatore della casa editrice Mercurio Comunicazione, Alberto Samonà direttore responsabile de ilSicilia.it, il responsabile scientifico Salvatore Corrao, la coordinatrice editoriale Veronica Gioè, ospiti d’eccezione l’assessore alla Salute Ruggero Razza e l’assessore alla Formazione Roberto Lagalla.

Presenti anche il presidente della sesta commissione all’Ars Margherita La Rocca Ruvolo, rappresentanti della politica comunale, operatori del mondo della sanità e non solo.

“Il Gruppo Editoriale Mercurio Comunicazione – afferma l’editore Maurizio Scaglione – dopo l’importante gradimento riscosso con ilSicilia.itSiciliarurale.euSiciliammare.it e ilGiornaledellaBellezza.it dopo oltre sei mesi di progettazione e lavorazione edita SanitainSicilia.it che si occuperà di sanità e salute in Sicilia rivolgendosi sia agli operatori del settore ma anche e soprattutto ai cittadini che nella loro quotidianità hanno inevitabilmente a che fare con questo mondo, ed alle imprese interessate a dialogare con la sanità in siciliana”.

Ormai – prosegue l’editore- il primo strumento da cui passa l’informazione è il telefonino, di conseguenza è sempre alla portata di tutti, motivo per il quale ritengo fondamentale potenziare questo servizio attraverso anche la realizzazione dei tematici che completano l’informazione stessa“.

Sul palco anche il direttore responsabile de ilSicilia.it, Alberto Samonà che ha detto “L’obiettivo è quello di offrire una visione dell’informazione a 360° , questo è il nostro modo di fare giornalismo e per farlo l’editore ha pensato bene di creare anche i tematici, proprio per raccontare la Sicilia sotto ogni sfaccettatura. E’ fondamentale che questi giornali on-line diventino lo specchio di ciò che avviene in Sicilia“.

Creare oggi un’informazione che non sia fatta solo di mezze notizie o mezze verità è una sfida – afferma il responsabile scientifico, professore Salvatore  Corrao-  noi vogliamo fare un tipo di informazione che vuole fare ‘cultura’ perchè vuole lanciare messaggi e non solo mere notizie“.

Ritengo sia molto interessante che l’assessore Razza, alla prima intervista di lancio di questo giornale, abbia sottolineato che si deve parlare anche delle criticità legate al mondo della sanità ma noi vi racconteremo anche delle cose buone, fatte di accurati approfondimenti e basate su evidenze scientifiche“.

Sul  palco l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, “In questi primi 12 mesi come assessore alla Salute ho compreso quanto è importante l’informazione in Sanità, è fondamentale raccontare le criticità ma è altrettanto importante raccontare le cose positive per dare una corretta percezione di quello che effettivamente avviene in questo settore particolarmente delicato. La vostra, dunque, è un’azione sia culturale che sociale importante, perchè oltre alle difficoltà che il nostro sistema incontra si saprà raccontare anche le azioni positive che tale sistema è in grado di portare avanti è un fondamentale servizio che si offre sia a chi opera nel settore sia per i pazienti“.

L’assessore regionale alla Formazione Roberto Lagalla “Il valore aggiunto di SanitainSicilia.it è quello di non dividere e separare l’autore dall’utente, ma fare in modo che possa esistere una circolarità dell’informazione corretta ma anche di richieste pertinenti tra gli operatori e l’utenza tant’è che alla fine il giornale offre preziosamente il palcoscenico e il teatro sul quale il giornale in qualche modo si anima sulla base delle buone e cattive notizie e sulla base delle legittime curiosità di quanti si rivolgono alle strutture sanitarie in questa regione“.