Privacy Policy
Home / Dalla politica / Nuova rete ospedaliera in Sicilia: arriva l’ok da Roma, previsti cinquemila posti di lavoro

Nuova rete ospedaliera in Sicilia: arriva l’ok da Roma, previsti cinquemila posti di lavoro di Redazione

ospedale nursind

E’ arrivato il sì da Roma per la nuova rete ospedaliera in Sicilia. Parere positivo, dunque, alla decurtazione di 196 primariati e all’incremento di 1.700 posti letto. Il decreto che l’assessorato alla Salute di Ruggero Razza deve ancora definire dovrebbe, quindi, aprire ai concorsi e comportare oltre cinquemila nuovi posti di lavoro nella sanità siciliana.

A Catania e provincia è confermata l’autonomia dell’ospedale di Giarre che si stacca da Acireale, tornando ad essere presidio e riconquistando il pronto soccorso.

Confermato anche l’assetto del precedente piano, l’ospedale Cannizzaro, il Garibaldi e il Policlinico saranno i tre Dea (Dipartimenti d’Emergenza e Accettazione) di secondo livello, mentre quelli di primo livello saranno l’ospedale di Gravina di Caltagirone e l’ospedale di Acireale.

Presidi di base, oltre a quello di Giarre saranno quelli di Biancavilla e Paternò che quindi eviteranno la chiusura, mentre la struttura di Militello Val di Catania diventa struttura in zona disagiata.

LEGGI ANCHE:

Nomine dei manager della Sanità: arriva l’ok dalla prima commissione dell’Ars

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.