Privacy Policy
Home / News / Il morbillo colpisce ancora, anche in Sicilia

Il morbillo colpisce ancora, anche in Sicilia di Giuseppe Natoli

Da gennaio 2016 è in corso un’epidemia di morbillo che coinvolge tutti i Paesi dell’Unione europea (Ue) e dello Spazio economico europeo (See). Tra il 1 gennaio 2016 e il 31 marzo 2019 è stato infatti segnalato al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) un numero molto elevato di casi (44.074 casi), rispetto ai tre anni precedenti (2012-2015).

Il 28 maggio 2019, l’Ecdc ha pubblicato il Risk assessmentWho is at risk of measles in the EU/EEA? Identifying susceptible groups to close immunity gaps towards measles elimination”, contenente anche i profili epidemiologici dei singoli Paesi.

Sulla base della valutazione Ecdc, in Europa persiste il rischio di una continua e diffusa circolazione del morbillo.

Tre i principali fattori di rischio identificati:

  • la presenza di un elevato numero di persone suscettibili al morbillo (oltre 4,5 milioni di bambini e adolescenti nati dal 1999) a causa della scarsa copertura vaccinale (nel 2017 solo 4 Paesi dell’Ue/See hanno raggiunto una copertura vaccinale del 95% per due dosi di vaccino contenente morbillo, mentre nel 2007 erano 14);
  • la presenza di un elevato numero di casi di morbillo tra i neonati e gli adulti, i gruppi a più alto rischio di complicazioni;
  • il persistere del rischio d’importazione dell’infezione, che può aggravare i focolai in corso o avviarne di nuovi in comunità in cui il virus non è attualmente in circolazione e dove persistono sacche di persone suscettibili all’infezione (nel periodo 2016-2019 quasi la metà dei casi importati di morbillo segnalati nei Paesi Ue/See ha contratto l’infezione in un altro Paese Ue/See, soprattutto in Paesi in cui il morbillo è ancora endemico e/o in cui erano in corso vaste epidemie).

Grazie all’ultimo rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità, di seguito i dati regionali (e nazionali) della Sorveglianza Integrata del Morbillo e della Rosolia, raccolti dal Reparto Epidemiologia, Biostatistica e Modelli Matematici del Dipartimento Malattie Infettive.

In Sicilia dall’inizio del corrente anno a fine aprile sono stati 52 i casi accertati (incidenza 31,0 casi per milione di abitanti), rispettivamente 3 a gennaio, 10 a febbraio, 26 a marzo, 13 ad aprile.

In tutta la nazione dal 1 gennaio al 30 aprile 2019 sono stati segnalati 864 casi di morbillo (incidenza 42,9 casi per milione di abitanti), di cui 176 a gennaio, 168 a febbraio, 221 a marzo e 299 ad aprile. Le segnalazioni provengono da 19 Regioni, ma oltre due terzi dei casi si sono verificati in Lazio, Emilia-Romagna e Lombardia.

L’età mediana dei casi è 30 anni. Sono stati segnalati 86 casi in bambini sotto i 5 anni di età, di cui 31 avevano meno di 1 anno. L’87% dei casi non era vaccinato al momento del contagio. Un terzo circa dei casi ha sviluppato almeno una complicanza.

Tra le complicanze, sono stati segnalati anche due casi di encefalite. Nello stesso periodo sono stati registrati 7 casi di rosolia con un’età mediana di 29 anni.

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.