Privacy Policy
Home / L'Opinione / Malattie cardiovascolari, tra le principali cause di morte: al Civico di Palermo un centro di eccellenza di prevenzione e cura | Video intervista

Malattie cardiovascolari, tra le principali cause di morte: al Civico di Palermo un centro di eccellenza di prevenzione e cura | Video intervista di Veronica Gioè

Guarda in alto la video intervista

Le malattie cardiovascolari, come ictus e trombosi, per incidenza sono le principali cause di morte, ma non tutti conoscono la tipologia, come si manifestano, il tipo di prevenzione da fare e soprattutto quali i centri specializzati, per via anche di una mancata comunicazione adeguata a riguardo.

Professore Francesco Talarico
Professore Francesco Talarico

Per quanto concerne i centri specializzati, per la Sicilia occidentale, vi è quello dell’Arnas Civico di Palermo diretto dal professore Francesco Talarico eletto di recente presidente del Collegio nazionale dei primari di chirurgia cardiovascolare che spiega ai nostri microfoni l’importanza di fare prevenzione, quali sono le malattie più diffuse di questa branca, ponendo l’accento proprio sulla mancanza di una campagna di sensibilizzazione e di conoscenza che riguarda i diversi aspetti di queste malattie e anche sul rischio di una mancanza, nei prossimi anni, di chirurghi, figura professionale che oggi viene sempre meno a questo proposito il professore Talarico afferma “I giovani si devono avvicinare alla chirurgia, non vorrei che fra dieci anni non ci siano più chirurghi e questa è una cosa a cui dobbiamo pensare adesso e dobbiamo essere noi a invogliare i giovani ma anche e soprattutto le Istituzioni. Qui le porte sono sempre aperte sia per chi vuole semplicemente osservare il nostro lavoro, ma anche per chi desidera formarsi“.

Parlando di prevenzione spiega che “Quella dell’Arnas Civico è l’unica chirurgia vascolare d’emergenza aperta h24 e per fare prevenzione bisogna recarsi nei centri di riferimento come questo del Civico, posto che in Sicilia ve ne sono parecchi. Comunque tutti quanti dopo i 50 anni dovrebbero fare un’indagine ecocolordoppler, si tratta di una semplice ecografia non dolorosa e che non arreca alcun danno al paziente ma che ci permette di fare una diagnosi accurata“.