Privacy Policy
Home / Cronaca / CittadinanzAttiva: “Taormina senza Tribunale Diritti del Malato, dateci uno spazio”

CittadinanzAttiva: “Taormina senza Tribunale Diritti del Malato, dateci uno spazio” di Emanuele Cammaroto

“Continuiamo a chiedere una sede per il Tribunale dei Diritti del Malato a Taormina ma ci viene detto di no. In tutto il resto della Sicilia e in altre regioni italiane hanno accolto la nostra richiesta, qui purtroppo viene negato il diritto di un supporto ai cittadini”. Lo afferma la responsabile territoriale di CittadinanzAttiva, la dottoressa Agata Polonia, che prosegue la sua battaglia per la riassegnazione di una sede del Tribunale dei Diritti del Malato all’interno dell’ospedale San Vincenzo di Taormina. Negli anni scorsi uno spazio nel presidio era stato destinato proprio a questo servizio, poi successivamente venne revocato e al momento le istanze di CittadinanzAttiva rimangono prive di una soluzione risolutiva al problema.

“Il 2 dicembre scorso ho richiesto nuovamente l’assegnazione di una sede definitiva al Tribunale dei Diritti del Malato – spiega la dottoressa Polonia – e nella qualità di coordinatore dell’Assemblea Territoriale di Taormina-Giardini Naxos di CittadinanzAttiva ho reiterato all’Azienda Sanitaria Provinciale le precedenti richieste che erano rimaste inevase“.

“Il 10 dicembre scorso è pervenuta a questa mia ulteriore istanza – continua la dottoressa Polonia – relativa risposta da parte dell’Asp Messina con nota a firma del direttore medico di presidio, il dott. Gaetano Sirna, nella quale si risponde testualmente così: “In riscontro alla richiesta acquisita al protocollo di questa direzione di presidio il 4 dicembre 2018 spiace dover comunicare che in atto non ci sono spazi sufficienti per poter evadere tale richiesta“.

Noi non chiediamo chissà quali spazi ma una stanzaaggiunge la responsabile di CittadinanzAttiva -. Il TdM di CittadinanzAttiva è un servizio nato in Italia nel 1980 e da allora operativo per tutelare e promuovere i diritti dei cittadini nell’ambito dei servizi sanitari e assistenziali e per contribuire ad una più umana, efficace e razionale organizzazione del servizio sanitario nazionale. Il TdM è una rete di impegno civico costituita da cittadini comuni, ma anche da operatori dei diversi servizi e da professionisti, che si impegnano a titolo volontario con sezioni locali su tutto il territorio nazionale”.

“Quanto prima – conclude la dottoressa Poloniareitereremo nuovamente la nostra richiesta al nuovo direttore generale dell’Asp Messina, dottore Paolo La Paglia, confidando nella sua sensibilità affinché si possa risolvere questa spiacevole problematica ed in modo da poter dare assistenza ai malati, a tutela e protezione dei loro diritti e per dare contribuire al miglioramento del servizio sanitario”.